Come sarebbe vivere su un altro pianeta?

Come sarebbe vivere su un altro pianeta? si chiede che quando gli viene chiesto un personaggio come Stephen Hawking, direbbe che l’umanità dovrebbe prepararsi a colonizzare altri pianeti almeno entro i prossimi cento anni e anche se molti di noi non saranno in grado di vederlo; ci accontentiamo di immaginare quanto possa essere meraviglioso.

Cosa deve avere un pianeta per garantire la sopravvivenza di un essere umano?

Per garantire la propria sussistenza, gli esseri umani devono disporre almeno di un’atmosfera respirabile, di acqua liquida e di dimensioni adeguate per trattenere l’ossigeno nell’ambiente, mantenendo la propria attività tettonica per lunghi periodi di tempo.

Ad esempio, la terra ha una gravità di 9,80665 m/s², un clima variabile nelle diverse regioni del pianeta, terre fertili e oceani che ci forniscono una grande quantità di cibo; acque pure e fiumi che soddisfano molti dei nostri bisogni e in generale tutta una serie di condizioni di vita a cui siamo abituati.

Nonostante siamo esseri che si adattano facilmente alle diverse circostanze, elementi come l’aria da respirare e la possibilità di produrre il nostro cibo, oltre a proteggerci dalle intemperie naturali, sono fondamentali per garantire la nostra sopravvivenza.

Non c’è dubbio che l’universo sia affascinante e c’è ancora molto da scoprire su di esso. Se sei interessato a questo tipo di articoli, ti invitiamo a visitare la nostra sezione blog, dove ne troverai sicuramente altri.

Come sarebbe vivere su un altro pianeta?

È possibile che tu ti sia fatto questa domanda qualche volta, la verità è che siamo abituati a tante comodità che abbiamo paura di privarcene; ma anche così questo non ci impedisce di essere curiosi di pensare, come sarebbe vivere su un altro pianeta?

Siamo esseri espansivi e cerchiamo sempre di superare i nostri stessi limiti, ne sono un esempio le spedizioni effettuate da Magellan-Elcano per fare il giro del mondo per la prima volta, poi l’arrivo dell’uomo sulla Luna e la vita su Marte è attualmente in fase di pianificazione.

Una delle difficoltà che ci separano dalla vita su un altro pianeta è l’assenza di condizioni favorevoli e l’enorme distanza che sono dalla terra; il che significherebbe praticamente un viaggio senza ritorno.

A maggior ragione quando non abbiamo ancora la tecnologia necessaria per esplorare a fondo mondi così lontani. Quindi altri pianeti sono ostili agli umani; perché non si tratta solo di trovare un mondo più o meno adeguato, ma di adattare le nostre vite per sopravvivere davvero in esso.

Vengono generate idee sorprendenti e persino folli che possono essere adottate in modo che l’uomo viva su un altro pianeta; Uno di questi è diventare esseri amorfi per adattarsi adeguatamente alla microgravità, perché gli astronauti hanno notato che i loro corpi si allargano a causa della mancanza di gravità.

D’altra parte, un altro degli organi umani colpiti sono gli occhi; indicando che molti viaggiatori spaziali soffrono di vista offuscata alla cecità; quindi la soluzione in questo caso sarebbe imparare a muoversi nel buio come animali.

Mentre in relazione alla nostra capacità uditiva è necessario indicare che nello spazio regna il vuoto, il che significa che non ci sono elementi attraverso i quali viaggiano le onde sonore; quindi potrebbe non esserci nulla che possiamo sentire.

Entrando ora in termini di respirazione, affrontiamo il problema più grave perché manca l’aria e se ci privassimo dell’ossigeno moriremmo per soffocamento in pochi minuti; sebbene molte di queste difficoltà possano essere risolte artificialmente; Per quanto tempo è possibile generare ossigeno o quanto può sopportare un essere umano la solitudine o la distanza dal resto della sua famiglia.

Possiamo provare ad adattarci a un nuovo mondo; ma che garanzie abbiamo che questo pianeta non scompaia improvvisamente o che ci sia qualche altra vita sul pianeta di intelligenza superiore che decide di renderci suoi schiavi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *